MODELLISMO | Os.kar consegna le ALn 773: nuova motorizzazione, illuminazione di serie

Annunciate la scorsa primavera, attese da molti appassionati di modellismo ferroviario, Oskar ha consegnato nei giorni scorsi due nuovi modelli di Aln 773 in scala H0 1:87.

Si tratta dell’ALn 773 3537, nella livrea verde magnolia/grigio nebbia, consegnata da OM alle Ferrovie dello Stato negli anni sessanta, epoca III. Il modello, in edizione limitata (300 pz), è dotato di illuminazione interna montata di serie, ed ha interfaccia Digitale PluX22. Oskar, come per le recenti consegne, ha predisposto una nuova motorizzazione che rendono questo modello ancora più affidabile nella marcia sui plastici. Ottima la fattura, con particolari ben riprodotti, anche per quanto riguarda gli interni. Scritte nitide e livrea ben definita, e fedelmente riprodotti anche i carrelli.

NELLA REALTA ‘ – Questa macchina fa parte del secondo lotto di serie consegnato da OM tra il 1957 ed il 1962, dopo che precedentemente le OM avevano consegnato venti unità nel biennio 1955-1957, precedute dalle unità prototipo ALn 773 3501 e 3502, oltre ad un rimorchio Ln 664.

Le prime assegnazioni delle automotrici ALn 773 furono presso i depositi locomotive di Torino, Cagliari e Reggio Calabria. In seguito l’assegnazione venne estesa ad altri impianti del centro e del nord Italia.

Dallo stesso progetto venne sviluppato il gruppo ALn 873, di sole venti unità, sempre realizzato da OM e dotato di motori più potenti.

Dopo aver prestato servizio sui treni rapidi della direttrice Reggio Calabria-Bari o sugli espressi come la Freccia Sarda, hanno cominciato ad essere accantonate a partire dalla fine degli anni ottanta, sia per l’avanzare delle elettrificazioni che per via della consegna delle più moderne ALn 668 serie 1000 e serie 3000.

Oskar ha inoltre consegnato il set comprendente la ALn 773 3550 con l’aggiunta della rimorchiata Ln 664 3536 nella livrea Azzurro/Beige/Rosso, allo stato degli anni settanta/inizio anni ottanta (epoca IV). Anche in questo caso si tratta di una edizione limitata a 300 pezzi. Nuova motorizzazione, interfaccia digitale PluX22 ed illuminazione interna montata di serie. Buone le riproduzioni dei particolari, degli interni, scritte e livree ben definite.