COMPOSIZIONI | Locale Piazza al Serchio-Lucca-Pisa Centrale: un grigio ardesia dal sapore antico alle soglie degli anni novanta

Riprende il nostro viaggio nel mondo delle composizioni. Facciamo un salto all’inverno del 1989: l’ultimo inverno degli anni ottanta, a pochi mesi dai Mondiali di Italia ’90. Torniamo in Toscana e precisamente tra le province di Lucca e Pisa. Al mattino presto si muove da Piazza al Serchio, in Garfagnana, un convoglio formato da una D.345, un carro riscaldo, e quattro carrozze Tipo 1947 Bz di seconda classe, meglio conosciute come carrozze “Corbellini”; il treno serviva ad espletare un locale con alta frequentazione. E proprio per l’alta frequentazione aveva scalzato dal servizio le due precedenti automotrici Aln 990, efficienti tecnicamente ma non sufficienti a ricevere l’alto numero di viaggiatori che da Lucca si muovevano verso la città della torre pendente.

Nella foto che pubblichiamo, di proprietà del sito toltedalcassetto.it, si nota proprio questo treno in un incrocio nei pressi di una stazione (la linea Lucca-Aulla è a binario unico, ndr).

Nella foto manca il carro riscaldo, perchè questo veniva utilizzato nel periodo invernale, e quindi evidentemente lo scatto è stato fatto nel periodo Primavera-Estate. Il carro riscaldatore veniva acceso nella stazione di Piazza al Serchio, circa un’ora prima della partenza. Da Lucca il treno partiva verso Pisa alle 7.59.

NEL MODELLISMO – Sono davvero tante le riproduzioni, ovviamente in Scala HO (1:87), con cui poter riproporre il treno in scala. La D.345 è stata realizzata da Roco in molte versioni. Il carro riscaldatore è stato realizzato recentemente da Acme, mentre le carrozze corbellini Tipo 1947 (attenzione parliamo della versione a carrelli, ndr) sono state realizzate nel tempo dalla Lima (produzione degli anni novanta, ndr), quindi riproposte dalla Rivarossi (Hornby) nel 2006, e riconsegnate con diversa numerazione, e qualche miglioria di stampo e nitidezza decals e colorazione di nuovo dalla Rivarossi ad inizio 2020.

Di seguito proponiamo la ricostruzione del treno.