COMPOSIZIONI | Un’idea per le “Sleeperette”: video e foto

NEL MODELLISMO – Qualche anno fa fu la LIMA ha riprodurre le carrozze “Sleeperette”, da qualche tempo nei negozi ci sono le bellissime ed affinate riproduzioni di VITRAINS. Qualche mese fa già ci occupammo di questi rotabili (leggi qui), raccontando dell’uscita di queste particolari carrozze grazie all’interessamento di PI.RA.TA. proprio in collaborazione con VITRAINS.

Qui sotto un video trovato in rete su You Tube dedicato alla produzione LIMA degli anni novanta.

 

SleeperetteLA STORIA – Ma cosa sono le carrozze Sleeperette? Sleeperette era il nome commerciale di una serie di carrozze ferroviarie per servizio notturno su lunga distanza, con sedili reclinabili, delle Ferrovie dello Stato Italiane. Le FS le commissionarono nel 1987 presso le Officine Ferroviarie Veronesi in una richiesta di 20 unità: si trattava di un nuovo tipo di carrozza da 55 posti di sola 1ª classe, specializzate per il servizio notturno su lunghe distanze, con comodi sedili reclinabili. Vennero denominate con un neologismo “Sleeperette”, appunto. La realizzazione venne fatta utilizzando il progetto delle carrozze MDVE (che traducendo significa Medie Distanze Vestiboli Esterni, ndr) e costruendone una versione modificata soltanto negli allestimenti interni. Venne decisa anche la trasformazione di altrettante unità di MDVE che nei programmi avrebbero costituito la 2ª classe con 66 posti. Ambedue le carrozze erano previste solo a salone unico.

Di seguito un video trovato su YouTube dove si spiega il funzionamento dei sedili in dotazione a queste carrozze.

Le carrozze entrarono in servizio ma non ebbero molto successo. Furono inserite in composizione a qualche treno notturno e riscontrarono uno scarso appeal data la mancanza di privacy ma soprattutto in relazione al fatto che il biglietto di 1ª classe era ritenuto da molti troppo costoso per un posto a sedere, tra l’altro per gli stessi viaggiatori ritenuto scomodo. Così, per cercare di invogliare l’utenza, fu tentata una soluzione che prevedeva il biglietto di seconda classe più un ticket accessorio, ma neanche in questo caso ci furono risvolti positivi. Accantonate inizialmente, vennero poi ritrasformate in carrozze MDVE. Alla fine degli anni novanta furono assegnate alcune carrozze a Verona e messe in composizione a treni sulle tratte da Brennero a Bologna Centrale, in composizione a treni interregionali. Da segnalare che una carrozza era dotata di impianto di climatizzazione e la sua ultima assegnazione era presso l’O.M.V. di Verona.

 

Sleeperette Vitrains 3144RIPRODUZIONE IN SCALA HO: LE ULTIME USCITE – Andiamo ad analizzare ciò che si può trovare nei negozi specializzati in fermodellismo, in merito a queste carrozze. Detto che l’azienda produttrice è la Vitrains, ecco le produzioni prese in esame. Articolo VT3144 Sleeperette (Carrozza di 1° KL. tipo “Sleperette” nA 50 83 19-78 533-8 delle FS ep. V.), articolo VT3085 (Carrozza MDVE cuccette nella livrea “Sleeperette” delle FS ep. V), articolo VT3096 (Carrozza tipo MDVE nell livrea “Poltrone Relax” delle FS ep. IV), e poi da PI.RA.TA. in collaborazione con VITRAINS il set articolo PRT81500 (set di 2 carrozze MDVE “Sleeperette” delle FS, logo inclinato ep. IV-V.), quest’ultimo di cui vi abbiamo parlato nell’articolo dello scorso novembre 2015 che vi rammentavamo all’inizio di questo articolo di approfondimento.

 

SPUNTI PER COMPOSIZIONI: treni notturni ma anche qualche IC (vedi video 2 che vi proponiamo sotto), e sul finire della carriera in composizione ai treni veloci Bologna-Brennero. Di seguito vi postiamo un paio di video che possono essere utili per prendere spunto e riprodurlo nei propri plastici o diorami che sia.

Video1: nel video di Enrico Ferrari che prendiamo da You Tube si vede proprio una riproduzione (il treno sarebbe stato leggermente più lungo) di una carrozza a fine carriera inserita in un contesto di MDVE; siamo ipoteticamente sulla tratta del Brennero, nerl 1998.

Video2: sull’IC 540 Dante Alighieri Firenze SMN-Venezia S.Lucia (nel video ripreso mentre transita a Dolo) in coda al convoglio, prima di una bagagliaio, ci sono proprio due “Sleeperette”, quindi non solo treni notturni per queste carrozze.